13 novembre 2017

LE NUOVE VERSIONI SPECIALI CARBON, ROUGH E MILANO

Omaggio di Moto Guzzi all'arte della customizzazione

CRESCE LA FAMIGLIA V7 III CON LE NUOVE VERSIONI SPECIALI CARBON, ROUGH E MILANO, OMAGGIO DI MOTO GUZZI ALL’ARTE DELLA CUSTOMIZZAZIONE

V7 III È LA TERZA GENERAZIONE DELLA MOTO GUZZI PIÙ AMATA, REALIZZATA CON COMPETENZA E ABILITÀ COME SEMPRE A MANDELLO

SU V7 III OGNI PARTICOLARE È MESSO A PUNTO PER RENDERE MASSIMA LA SODDISFAZIONE NEL POSSEDERLA E NEL GUIDARLA, LASCIANDO INALTERATI L’ORIGINALITÀ E L’AUTENTICITÀ TIPICI DI QUESTA ICONICA MOTOCICLETTA

V7 è uno dei modelli più celebri e conosciuti di Moto Guzzi. La fama mondiale è dovuta alla sua capacità di mantenere fede alle aspettative e alla reputazione di un marchio leggendario come Moto Guzzi. Dal 1967, anno in cui iniziarono le vendite dei primi esemplari in Italia, V7 è diventata il caposaldo della gamma e la rappresentante per eccellenza della motocicletta italiana, distinta da contenuti e design in grado di raccogliere l’apprezzamento di un pubblico trasversale ed eterogeneo.

A oltre cinquant’anni dal lancio del primo esemplare, Moto Guzzi V7 III è il terzo atto di una storia unica. La sfida nell’introdurre V7 III è stata delle più difficili, considerando il blasone e i successi di V7. Dal 2009 inoltre è la più venduta del marchio e costituisce la moto d’ingresso nel mondo di Moto Guzzi.

Come lo è stato per V7 II rispetto alla primogenita V7, anche per V7 III il rinnovamento è stato così profondo da meritarsi di portare avanti la numerazione progressiva con i simboli romani, che da sempre distingue le Moto Guzzi più popolari e longeve. V7 III è il risultato della passione di Moto Guzzi, abile nel rinnovare la sua best seller, lasciandone inalterati carattere e autenticità, valori destinati a durare nel tempo.

 

Sei versioni e infinite interpretazioni

La famiglia V7 III raddoppia, alle note Stone, Special e Racer, si affiancano ora V7 III Rough, V7 III Milano e V7 III Carbon, tre nuove versioni contraddistinte dal differente allestimento, ottenuto introducendo con originalità e competenza una serie di pregiate parti speciali, capaci di restituire a ognuna motocicletta una ben differente connotazione e un carattere unico. Rough, Milano e Carbon rappresentano così un omaggio all’arte della customizzazione.

La “settemezzo” di Mandello ha dimostrato essere un’ottima base di partenza per progetti di personalizzazione ed è stata protagonista di Lord of the Bikes, il primo talent show televisivo, andato in onda in Italia su Sky, dedicato alla customizzazione delle motociclette. La gamma di accessori originali Moto Guzzi è parte integrante del progetto e si allarga ulteriormente. V7 III quindi si presta a una varietà di personalizzazioni eccezionalmente ampia, per creare la propria special su misura, come un abito sartoriale.

Coerentemente con gli altri modelli Moto Guzzi in gamma, anche V7 III propone un modello dall’anima dark, caratterizzato dalle finiture total black, ovvero la Stone e uno più classico dominato dalle cromature, più in linea con il design della progenitrice, che è la Special. La Racer invece rappresenta bene la storia dei successi sportivi di Moto Guzzi, vincitrice, al momento del ritiro dalle corse (datato 1957), di 15 titoli mondiali e 11 Tourist Trophy.

 

V7 III Carbon

È attualmente l’unica della famiglia V7 III ad essere realizzata in tiratura limitata e numerata, proseguendo la felice tradizione di avere in gamma un modello “limited edition”. V7 III Carbon celebra la customizzazione, interpretata con originalità e buon gusto, accostando allo stile autentico di V7 la pregiata e moderna qualità di numerosi componenti in fibra di carbonio, quali i parafanghi accorciati e rifilati e i fianchetti laterali, capaci di esaltare al massimo il carattere giovane e dinamico della best seller di Moto Guzzi. V7 III Carbon si presenta vestita completamente di nero opaco, tonalità che esalta i dettagli in rosso, colore scelto per la pinza freno anteriore Brembo, per i loghi sui fianchetti e per l’Aquila sul serbatoio. Anche la meccanica made in Mandello spicca grazie ai coperchi delle teste in rosso satinato. La sella (come per gli altri modelli, ad essa solo dedicata) vanta un inedito rivestimento in Alcantara® idrorepellente, ideale per un utilizzo outdoor e resistente alle intemperie. La sella è rifinita con impunture rosse che rappresentano uno spunto stilistico molto gradito a chi ama i dettagli raffinati. In effetti questo modello ne è ricco: il tappo del serbatoio dotato di serratura è in alluminio ricavato dal pieno anodizzato nero così come è nera anche la cornice del proiettore anteriore, i coperchi degli iniettori e della pompa freno posteriore. Il numero di serie del modello è identificato dalla targhetta posizionata sui riser del manubrio: gli esemplari disponibili sono 1921, numero che evoca l’anno di nascita di Moto Guzzi.

CARBON

 

V7 III Rough

Si distingue per i pneumatici tassellati calzati su cerchi a raggi e per i molti dettagli che conferiscono a V7 III Rough uno stile country cittadino. La dotazione è completata dalla sella dedicata con impunture e cinghia di appiglio per il passeggero e dalla coppia di fianchetti laterali in alluminio. Dello stesso nobile materiale sono anche i parafanghi. La cornice del faro anteriore è verniciata in nero, mentre gli steli della forcella sono protetti da classici soffietti in gomma. È un’ulteriore proposta di stile di Moto Guzzi che trasforma V7 III con pochi ma sapienti tocchi in una vera special di serie. La disponibilità di accessori originali Moto Guzzi per V7 III (e per le versioni precedenti) è ampissima ed è quindi possibile rendere questa e le altre versioni di V7 III ancora più personali ed esclusive.

ROUGH

 

V7 III Milano

Quale V7 vorreste per attraversare le vie del centro della città? La risposta arriva da Moto Guzzi con la nuova versione V7 III Milano. Questo modello prende origine da V7 III Special, di cui mantiene le caratteristiche classiche tipiche, quali la strumentazione a doppio quadrante circolare, le cromature degli scarichi e del maniglione d’appiglio del passeggero, oltre alle tinte lucide del serbatoio, ma se ne distingue per i cerchi a razze che contribuiscono a regalarle un aspetto più moderno. La dotazione di serie è completata da particolari di pregio come i parafanghi e i fianchetti laterali realizzati in alluminio.

MILANO

Più piacere di possedere e guidare una V7

La terza generazione della “settemezzo” di Mandello vuole continuare a essere la motocicletta d’accesso nel mondo Moto Guzzi, facile, dalle dimensioni e peso tra i più contenuti della categoria, ma al contempo dal carattere forte e autentico, tipico di tutte le Moto Guzzi, gran parte del quale è messo in mostra dal bicilindrico trasversale a V, configurazione unica al mondo. Gli obiettivi primari che hanno guidato l’evoluzione riguardano lo stile, la dotazione di serie e il comportamento su strada, ovvero gli aspetti che influenzano il piacere di possedere e guidare una V7.

V7 III mantiene intatta la personalità stilistica del modello, caratterizzata da un design che dialoga tra forme ispirate dalla storia di Moto Guzzi ed esigenze da motocicletta contemporanea. La prima impressione è di essere al cospetto di una moto matura e robusta, sensazione dovuta principalmente alla presenza dei collettori di scarico a doppio tubo e delle teste motore, entrambi dalle dimensioni generose, ma V7 III si conferma tra le motociclette più accessibili e snelle. Non è cambiato invece il serbatoio in metallo, dalla eccellente capacità di 21 litri e dallo stile come sempre ispirato a quello della magnifica V7 Sport del 1971. Ulteriori elementi di stile ricercato riguardano i copri iniettori e i fianchetti laterali dalle forme slanciate. Ognuna delle V7 III ha una sella dedicata dalle grafiche e rivestimenti inediti. V7 III Stone, Rough e Carbon adottano una strumentazione a singolo quadrante circolare, coerentemente con la loro immagine di motociclette essenziali. Invece le versioni Special, Racer e Milano dispongono di un secondo quadrante circolare per il contagiri. La scala del tachimetro è analogica, mentre tutte le altre informazioni sono racchiuse nel riquadro digitale: odometro, trip parziale e daily trip (si azzera automaticamente dopo otto ore dall’ultimo spegnimento), tempo del trip, consumo istantaneo e medio, orologio, temperatura dell’aria, velocità media, livello del MGCT (controllo di trazione), oltre all’indicatore della marcia inserita e di cambiata, il cui valore di giri minimo e massimo è regolabile dall’utente. In questo modo si può tenere sotto controllo un range predeterminato di giri del motore, ad esempio per effettuare al meglio il rodaggio, o per ridurre al minimo i consumi di carburante. L’interazione con la strumentazione è possibile attraverso il pulsante presente nel blocchetto elettrico destro. Nel ricco catalogo di accessori dedicati è presente la MG-MP, la piattaforma multimediale di Moto Guzzi che collega lo smartphone al veicolo fornendo una quantità eccezionale di informazioni utili al viaggio.

 

le vostre Moto Guzzi custom



trova il tuo concessionario
in
il tuo paese

cerca
close